Maurizio CARLETTI


Maurizio Carletti (1958) nasce a Roma, città di cui ha fatto proprio l'aspetto ironico della vita e una certa dose di cinismo, da genitori nati prima della televisione e giusto in tempo per salire sul carro del “miracolo economico” italiano. Ha frequentato le scuole elementari dalle Suore Orsoline ed ha giocato a pallone in Parrocchia, passando la maggior parte del tempo scambiando figurine nell'attesa di essere scelto per giocare in una squadra. Un regalo per la promozione, un Ciao rosso, ha dato una prima svolta alla sua vita consendogli sia di girare in lungo e in largo la città sia di sentirsi pronto per fare “il filo” alle ragazzine (che però gli preferivano i biondini con il Morini “Corsarino” blu). Ha mancato, per motivi anagrafici, il ’68 ed ha attraversato, senza troppi danni, gli “anni di piombo”. È diventato adolescente cercando di orientare opportunamente le casse dello stereo Reader Digest per meglio ascoltare il battito cardiaco di The dark side of the moon dei Pink Floyd e rinchiudendosi nella propria stanza ascoltando “a palla” (ma in cuffia…) le invettive di Guccini, le inusuali trasgressioni in musica di Zero o i versi romantici di Baglioni. Ancora oggi potrebbe recitare a memoria il testo di “Corale — La leggenda del re infelice” di Fabrizio de Andrè. Ha imparato a guidare usando una Fiat ‘500 beige ed è diventato adulto cambiando freneticamente telefoni cellulari. Per professione si è occupato di sistemi informativi, cosa che lo ha spinto a caratterizzare con il trattino basso, tipico di quel mestiere, i titoli dei suoi primi lavori. Quando qualcuno gli ha chiesto di cosa gli piacesse scrivere ha risposto così: “Mi attraggono le sterminate periferie delle grandi città e quelle, ancora più misteriose, dell’animo umano. Mi intrigano le cose che non sono quello che sembrano. Mi piace raccontare le storie dei non protagonisti, dei border-line e degli invisibili. Di coloro che non hanno un ruolo preciso nella nostra società, di gente spesso incasellata in modo ben preciso già prima della nascita. Il mio tentativo è quello di far raccontare le storie, attraverso una scrittura non mediata, direttamente dalla voce dei protagonisti di esse, assecondando i loro tempi narrativi e le loro espressioni gergali”.

PUBBLICAZIONI


Maurizio Carletti ha pubblicato Racconti_Scamuffi (2004), Un_uomo_mite (2006), Cavalcavia_Interrotti (2008), L’outsourcing_e_la_fine_del_mondo (2011), Rollback (Nessuna notte è infinita) (2014) e Zoe & le altre (2016). È l’ispiratore della mostra fotografica I Luoghi di Maurizio – trasposizione in fotografie di luoghi immaginari con opere di Rosanna Piazza e Adriano Scopelliti. È stato fra gli animatori del Premio Letterario ″Racconto Bonsai″.

Accantonati temporaneamente gli abiti del romanziere, Maurizio Carletti si cala in quelli, per lui completamente nuovi, del giornalista d’inchiesta, panni che ha vestito “in incognito” per oltre cinque anni, durante i quali ha portato avanti una ricerca attenta e scrupolosa su uno dei fenomeni più interessanti dell’ultimo decennio, sia dal punto di vista sociologico che da quello culturale: l’escortismo.

Zoe & le altre

2016 - Alter Ego

Sergio Serpieri è uno spregiudicato manager sessantenne a capo di un grande gruppo industriale internazionale. Un giorno gli viene diagnosticata una malattia mortale...

ACQUISTA ONLINE

 

Rollback

2014 - Fuorilinea

L’Outsourcing e la fine del mondo è un racconto in cui il protagonista subisce la beffa di una grottesca “esternalizzazione” da quello che considerava, a pieno titolo, il suo mondo.

SCARICA LA PREFAZIONE DI ALESSANDRO PANSA

CONTATTA L'AUTORE

L'outsourcing e la fine del mondo

2010 - Albatros

In questo libro di Maurizio Carletti ritroviamo quell’atmosfera di parole leggere e forti che esaltano la lunga ricerca e l’eccitante e fulminea scoperta della realtà.

SCARICA UN'ANTEPRIMA DEL LIBRO

CONTATTA L'AUTORE

Cavalcavia interrotti

2008 - Il Filo Edizioni

Quando uno scrittore rappresenta, all’interno di un suo scritto, un paesaggio, un volto o una situazione lui “vede” virtualmente quei luoghi e quelle situazioni.

SCARICA UN'ANTEPRIMA DEL LIBRO

CONTATTA L'AUTORE

I luoghi di Maurizio

2007 - Lulù

Un abbandono, il lutto che ne segue, e l’incapacità di riprendersi, di risollevarsi, di ricominciare a ‘funzionare’, a ragionare, produrre ed interagire come l’ingranaggio sociale richiede.

SCARICA UN'ANTEPRIMA DEL LIBRO

CONTATTA L'AUTORE

Un uomo mite

2006 - Il Filo Edizioni

Con movenze dostojeskijane Maurizio Carletti ci guida a conoscere una Roma diversa, assolutamente periferica rispetto alla visione barocca che accompagna le cartoline che la pubblicizzano in tutto il mondo.

SCARICA UN'ANTEPRIMA DEL LIBRO

CONTATTA L'AUTORE

Racconti scamuffi

2004 - Il Filo Edizioni

ZOE & LE ALTRE

"“L’idea de fasse fa’ un servizietto da una commessa giovane attizza tutti e manco poco. Io ormai so’ diventata esperta e scarto subito i pulciari che tirano sul prezzo, quelli che vorrebbero veni’ in scooter e gli stranieri di qualunque colore perché non mi fido. La vita fa di noi quello che decide lei e si vede che per me qualcuno aveva deciso così. Faccio questo perché mi va e andrò avanti perché lo voglio io e fino a quando lo deciderò io”.

Un’inchiesta sul fenomeno in continua espansione della prostituzione on line: i suoi canali, il suo linguaggio, le sue storie imprevedibili.​

 

Eventi e Media


Contatta l'autore